Entra

Vajanelli jarli, fritti e arrustuti: come cucinare i peperoni calabresi

Vajanelli jarli, fritti e arrustuti: come cucinare i peperoni calabresi

Quando dici “vajanelli” non ci sono dubbi per i cetraresi: si parla dei peperoni, una delle verdure più utilizzate a Cetraro, il mio paese calabrese in provincia di Cosenza.

E nemmeno io ho dubbi, sono decisamente il mio alimento preferito! 

Sono dolci o piccanti, dal colore verde se non ancora maturi e rosso quando invece raggiungono la piena maturazione.

Peperoni grigliati a casa di papà, appena tolti dalle braci del camino e puliti. 

Ogni anno, appena dopo la metà di marzo, mio padre dice “Sta arrivannu San Giuseppi, è l’ura i fa u pruvinu!”. In pratica il periodo ideale per piantare i semi dei peperoni nel semenzaio si identifica tradizionalmente con la festa di San Giuseppe del 19 marzo. A maggio le piantine nate vengono estrapolate e disposte nei solchi di terra e da luglio fino a settembre, è tempo di raccolta!

Adesso invece è tempo di farti venire l’acquolina in bocca!
Noi cetraresi abbiamo diversi modi di preparare “i vajanelli tramandando questa usanza da generazione in generazione, proprio come il mio papà ha fatto con me. Ecco come si preparano i vajanelli alla citrarisi!

Vajanelli jarli e vajanella pisata

A Cetraro i contadini dovevano assolutamente trovare un modo per conservare i peperoni anche durante l’inverno: è così che nascono le lunghe trecce rosse di peperoni, in cetrarese “surii i vajanelli”, che puoi vedere lì, dove meno te lo aspetti, a dare quel tocco unico di tipicità calabrese a case e finestre della città.

Con uno spago grosso infilato in un ago altrettanto grande viene meticolosamente infilzato ogni picciolo dei peperoni dando vita ad una meravigliosa treccia dal rosso vivace da porre poi a essiccare al caldo cocente di agosto/settembre, ma in un punto non totalmente soleggiato.
Il risultato sono dei peperoni secchi croccanti e friabili da friggere in padella con olio e sale (“jarli” in cetrarese).

“Suriji di vajanelli” appese ad essiccare a casa di zio Carmine.

Vajanelli jarli fritte

Ecco zia Maria che, con tanta pazienza, cuce le ghirlande di peperoni per porle poi ad essiccare al sole. Vederla all’opera è così emozionante e il cuore mi si riempie di orgoglio.

Oppure si passano velocemente in forno e poi spezzettati finemente per dar vita a un altro prodotto alimentare inimitabile: la vajanella pisata, una spezia tritata ideale per conferire un gusto unico ai piatti classici (uova fritte, verdure, pasta, etc.).

love-cetraro-vajanelli-peperoni-5
Vajanella pisata fatta dal mio papà per condire i suoi salumi.

love-cetraro-vajanelli-peperoni-13
Cime di rapa fritte in padella e condite con la vajanella pisata.

La vajanella pisata è così radicata nella storia di Cetraro tanto da essere ingrediente fondamentale nella preparazione di alcuni prodotti tipici come salumi e pesce salato.

Vajanelli fritti

Si sa: il fritto rende tutto più saporito. E quindi puoi immaginare cosa succede quando i peperoni cetraresi vengono fritti in padella… mmm che bontà!

love-cetraro-vajanelli-peperoni-6
Peperoni fritti in padella da mio suocero.

I vajanelli fritti sono ottimi se gustati da soli o mischiati alle patate come da vera tradizione cetrarese.

love-cetraro-vajanelli-peperoni-12
Patate e vajanelli fritti in padella preparate da Filomena.

Io adoro letteralmente la “pitta fritta cu i vajanelli”: una frittella di media grandezza (ma dal grande sapore) fatta con farina, acqua, un pizzico di sale e peperoni velocemente fritti prima in padella. Mmmmm… et voilà!

love-cetraro-vajanelli-peperoni-2
Pitta fritta con peperoni preparata da Filomena.

Vajanelli arrustuti

Prendi i peperoni, buttali sulle braci ardenti, poi sbucciali e poggiali su una fetta di pane morbido.

love-cetraro-vajanelli-peperoni-11
Mia zia Silvana e mia sorella Greta sbucciano i vajanelli arrustuti.

love-cetraro-vajanelli-peperoni-7
Vajanelli arrustuti sulla “pitta” calda fatta da Filomena

…. ora chiudi gli occhi e tira un morso, le tue papille gustative saranno travolte da un mix di sapori indescrivibile!

Vajanelli crudi

Un alimento ricco di vitamine e dal sapore deciso, per gli amanti dei sapori al naturale. Oltre che da gustare da soli, sono ideali anche per insaporire le Insalate di pomodoro.

love-cetraro-vajanelli-peperoni-4
Peperoni coltivati e raccolti da mio padre.

Ok, lo so che ti è venuta fame! Potrei provare in tutti i modi a descriverti il sapore che si scatena nelle papille gustative quando mangi i vajanelli citrarisi, ma l’unico modo per vivere questo viaggio nel gusto locale è assaggiarli!

Ti lascio con un bel piatto di pasta al sugo con salsiccia e vajanelli arrustuti e ti aspetto a Cetraro!

love-cetraro-vajanelli-peperoni-9
Primo piatto squisito preparato da Filomena con salsa di pomodoro, vajanelli e salsiccia prodotti da mio padre.

Laura Cipolla

Laura Cipolla

Nata e cresciuta a Cetraro (CS), vivo da qualche anno a Milano "con il Cuore verso Sud". Qui trovi la mia Calabria a 360°, che è anche la tua.

Potrebbe interessarti anche

(10) commenti

  • Michela
    24/11/2016 at 17:04 Rispondi

    ma questo blog è una delizia!! 😀 😀 😀

    • LOVECetraro
      24/11/2016 at 17:18 Rispondi

      Michela! Anche tu appassionata di “vajanelli”? ??? Grazie per i complimenti ?

  • Mara
    05/01/2017 at 08:36 Rispondi

    Vabbè io una volta entrata sul tuo stupendo blog – ah l’idea comunque è fantastica! – sono andata subito al sodo e sono stata attratta dai sapori della tua terra.
    Ma che bontà che devono essere questi vajanelli… belli da vedere e gustosi da mangiare 🙂

    • LOVECetraro
      05/01/2017 at 08:49 Rispondi

      Brava Mara hai fatto bene! Qualcosa mi fa capire che hai già fame di prima mattina ? Beh, ti assicuro che i vajanelli sono ottimi per una colazione salata ? Quando vuoi ti aspetto per farteli assaggiare ???

  • ornella dameno
    02/02/2017 at 12:51 Rispondi

    …… buoni i vajanelli …..quelli alla brace e poi pelati … così non mi danno fastidio allo stomaco …… magari ci faccio un salto a Cetraro ….. o magari me li porti tu!!!!

    • LOVECetraro
      02/02/2017 at 14:22 Rispondi

      Ornella golosona! D’altronde come non esserlo con queste prelibatezze, non è possibile stare a dieta! Ti aspetto a Cetraro stra-volentieri per una ricca dieta mediterranea! 😉

  • Salerno
    06/02/2017 at 12:32 Rispondi

    Tutte le varianti fanno venire l’acquolina in bocca, io però scommetto sulla “pitta fritta cu i vajanelli”! Magari vengo a Cetraro nel mese di Luglio per raccogliere i vajanelli, chissà che sapore avranno qui a Salerno!

    • LOVECetraro
      07/02/2017 at 10:27 Rispondi

      La pitta fritta la adoro! Ogni volta che Filomena (la moglie del mio papà) me la prepara… sono in estasi! Si, devi venire a Cetraro. così te la faccio assaggiare 🙂

  • Fabio
    19/10/2018 at 16:36 Rispondi

    Bellissime queste tradizioni locali. E poi i piatti uno più bello e più buono dell’altro!

    • Laura
      23/10/2018 at 20:23 Rispondi

      Ciao Fabio! In Italia siamo ricchi di tradizioni meravigliose racchiuse nei piccoli e sconosciuti luoghi. Sono questi che vanno valorizzati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Non puoi copiare il contenuto :)